Repertório

Repertório

‘A campana è drio sonare (canto di Natale)

‘A campana è drio sonare, contente a anunciare
Che xe nato Dio Bambino per il bene fare.
Pace in terra come in ceo, campane a sonare
Benedise Dio Bambino questo nostro lare.

Questa note è bea, demo indrio a stea
Co’l ciaro de’a candea, contente a pregar.
Sonare ‘e capane, xè tanto beo sentire,
Vivo a benedire, insegnando amar.

Ancora un litro de quel bon

Ancora un litro de quel bon
Ancora un litro de quel bon
Ancora un litro de quel bon po’ ndemo a casa.

No go le ciave del porton
No go le ciave del porton
No go le ciave del porton pe’ andar a casa.

Le go lasade in un canton
Le go lasade in un canton
Le go lasade in un canton de la scarsela.

Marieta buta zol’pajon
Marieta buta zol’pajon
Marieta buta zol’pajon che dormo in strada.

No vojo caffè nero, no
No vojo caffè nero, no
No vojo caffè nero, no ma deme graspa.

Astro del ciel (canto di Natale)

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!
Tu che i Vati da lungi sognar, tu che angeliche voci nunziar,
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!
Tu di stirpe regale decor, Tu virgineo, mistico fior,
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!
Tu disceso a scontare l’error, Tu sol nato a parlare d’amor,
Luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Bella ciao

Una mattina mi son svegliato
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
una mattina mi son svegliato e ho trovato l’invasor.

Oh! partigiano portami via,
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
oh! partigiano, portami via che mi sento di morir.

E se io muoio da partigiano
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
E se io muoio da partigiano tu mi devi seppellir.

Mi seppellire lassù in montagna
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
mi seppellire lassù in montagna sotto l’ombra d’un bel fior.

E tutti quelli che passeranno
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
e tutti quelli che passeranno lo diranno che bel fior.

E questo e il fiore del partigiano
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
e questo è il fiore del partigiano morto per la libertà.

Bonasera buona gente

Bonasera, bona gente! Come vala?
Bonasera, bona gente! Come vala?
Bonasera, bona gente! Come vala?
Semo vegnesti qua a ritrovare!

Semo vegnesti qua par cantare
Dopo magnare e dopo balare!
Semo vegnesti qua par cantare
Dopo magnare e dopo balare!

Cara Mamma

Cara mamma dame ciento lire che all’America voglio andar! Lo voglio andar!
Cara mamma dame ciento lire che all’America voglio andar!
Cara mamma dame ciento lire che all’America voglio andar!

Ciento lire io te daria, ma in America non sta andar! Ma non sta andar!
Ciento lire io te daria, ma alla America non sta andar!
Ciento lire io te daria, ma alla America non sta andar!

Suoi fratelli alla finestra dicendo: Mamma lassielo andar! Lassielo andar
Suoi fratelli alla finestra dicendo: Mamma lassielo andar!
Suoi fratelli alla finestra dicendo: Mamma lassielo andar!

E la dito queste parole e sul bastimento el è monta! El è monta!
E la dito queste parole e sul bastimento el è monta!
E la dito queste parole e sul bastimento el è monta!

Col è estato in mezzo al mare, il bastimento se asprofondà! Se asprofondà!
Col è estato in mezzo al mare, il bastimento se asprofondà!
Col è estato in mezzo al mare, il bastimento se asprofondà!

Le parole di ogni mamma dicon sempre la verità! La verità!
Le parole di ogni mamma dicon sempre la verità!
Le parole di ogni mamma dicon sempre la verità!

Ciribiribin, paghè ‘na bira

Ciribiribin, paghè ‘na bira,
Ciribiribin, no go moneda,
Ciribiribin, doman de sera,
Ciribiribin, la pagherò! (2 volte)

Sei bella, sei cara,
bella, non piangere!
bella, non piangere!
Sei bella, sei cara,
bella, non piangere
nè sospirar!

Ciribiribin, ghe vol persuto,
Ciribiribin, e mortadela,
Ciribiribin, la mula bela
Ciribiribin per far l’amor. (2 volte)

Come porti i capelli, bella bionda

Come porti i capelli, bella bionda,
tu li porti alla bella marinara,
tu li porti come l’onda,
come l’onda in mezzo al mar. (2 volte)

In mezzo al mar ci stan camin che fumano:
In mezzo al mar ci stan camin che fumano:
In mezzo al mar ci stan camin che fumano:
saranno le mie belle che si consumano.

Comme facette mammeta?

Quanno mámmeta t’ha fatta, quanno mámmeta t’ha fatta…
Vuó sapé comme facette? vuó sapé comme facette?…
Pe’ ‘mpastá sti ccarne belle, pe’ ‘mpastá sti ccarne belle…
Tutto chello ca mettette? tutto chello ca mettette?…

Ciento rose ‘ncappucciate, dint”a mártula mmiscate…
Latte, rose, rose e latte, te facette ‘ncopp”o fatto!…
Nun c’è bisogno ‘a zingara p’addiviná, Cuncè’…
Comme facette mámmeta, ‘o ssaccio meglio ‘e te!…

E pe’ fá ‘sta vocca bella, e pe’ fá ‘sta vocca bella…
Nun servette ‘a stessa dose, nun servette ‘a stessa dose…
Vuó sapé che nce mettette? Vuó sapé che nce mettette?…
Mo te dico tutte cosa… mo te dico tutte cosa:

Nu panaro chino, chino, tutt”e fravule ‘e ciardino…
Mèle, zuccaro e cannella: te ‘mpastaje ‘sta vocca bella…
Nun c’è bisogno ‘a zingara p’addiviná, Cuncè’…
Comme facette mámmeta, ‘o ssaccio meglio ‘e te…

E pe’ fá sti ttrezze d’oro, e pe’ fá sti ttrezze d’oro…
Mamma toja s’appezzentette, mamma toja s’appezzentette…
Bella mia, tu qua’ muneta!? bella mia, tu qua’ muneta!?
Vuó sapé che nce servette? vuó sapé che nce servette?…

Na miniera sana sana, tutta fatta a filagrana,
nce vulette pe’ sti ttrezze, che, a vasá, nun ce sta prezzo!
Nun c’è bisogno ‘a zingara, p’addiviná, Cuncè’…
Comme facette mámmeta, ‘o ssaccio meglio ‘e te…

Dove xè Bertolin?

Se la mama la me domanda: Dove xé Bertolin*?
Dove xé Bertolin? Dove xé Bertolin?
Se la mama la me domanda: Dove xé Bertolin?
Bertolin xé andá in casin!!!

E l’allegrie

E l’allegrie la vien dai zòveni
E l’allegrie la vien dai zòveni
E l’allegrie la vien dai zòveni
e non dai veci e non dai veci a maridaz.

Ciribiribin, doman l’è festa
Ciribiribin, non si lavora
Ciribiribin, g’ho l’amorosa
Ciribiribin, d’andà a trovar! (2 volte)

E l’han perdute andande a messe
E l’han perdute andande a messe
E l’han perdute andande a messe
e da chei dì e da chei dì che i s’ha spusaz.

El merlo ga perso ‘l beco

El merlo ga perso el beco, povero merlo, come faralo becar.
El merlo ga perso el beco, povero merlo mio, come faralo becar.

El merlo ga perso un ocio, povero merlo, come faralo veder.
El merlo ga perso el beco, un ocio, povero merlo mio, come faralo becar.

El merlo ga perso due oci, povero merlo, come faralo veder.
El merlo ga perso el beco, un ocio, due oci, povero merlo mio, come faralo veder.

El merlo ga perso ‘na recia, povero merlo, come faralo sentir.
El merlo ga perso el beco, un ocio, due oci, ‘na recia, povero merlo mio, come faralo sentir.

El merlo ga perso due recie, povero merlo, come faralo sentir.
El merlo ga perso el beco, un ocio, due oci, ‘na recia, due recie, povero merlo mio, come faralo sentir.

El merlo ga perso ‘na ala, povero merlo, come faralo volar.
El merlo ga perso el beco, un ocio, due oci, ‘na recia, due recie, ‘na ala, povero merlo mio, come faralo volar.

El merlo ga perso due ale, povero merlo, come faralo volar.
El merlo ga perso el beco, un ocio, due oci, ‘na recia, due recie, ‘na ala, due ale, povero merlo mio, come faralo volar.

El merlo ga perso ‘na gamba, povero merlo, come faralo gambar.
El merlo ga perso el beco, un ocio, due oci, ‘na recia, due recie, ‘na ala, due ale, ‘na gambá, povero merlo mio, come faralo gambar.

El merlo ga perso due gambe, povero merlo, come faralo gambar.
El merlo ga perso el beco, un ocio, due oci, ‘na recia, due recie, ‘na ala, due ale, ‘na gambá, due gambe, povero merlo mio, come faralo gambar.

El merlo ga perso ‘l cuco, povero merlo, come faralo cucar.
El merlo ga perso el beco, un ocio, due oci, ‘na recia, due recie, ‘na ala, due ale, ‘na gambá, due gambe, ‘l cuco, povero merlo mio, come faralo cucar.

El merlo ga perso tuto, povero merlo, come faralo trovar.
El merlo ga perso el beco, un ocio, due oci, ‘na recia, due recie, ‘na ala, due ale, ‘na gambá, due gambe, ‘l cuco, e tutto, povero merlo mio, come faralo trovar.

Fà la nana bambin (canto di Natale)

Fà la nana bambin,
fà la nana per bambin
fà la nina, fà la nana,
sui brasseti de la mama
fà la nina, fà la nana.

Che la mama xe quà,
el papà el vegnerá,
fà la nina, fà la nana,
sui brasseti de la mama
fà la nina, fà la nana

Che la mama xe quà,
el papà el vegnerá,
fà la nina, fà la nana,
sui brasseti de la mama
fà la nina, fà la nana

Funiculì, Funiculà

Aissera nanninè me ne sagliette tu sai addò… tu sai addò
Addò stu core’ngrato chiu’dispiette farme nun po… farme nun po
addò lo fuoco coce ma se fuie te lassa sta… te lassa sta
e nun te corre appriesso nun te struie sulo a guardà… sulo a guardà.

Jammo, jammo, ’ncoppa jammo jà…
jammo, jammo, ’ncoppa jammo jà!
Funiculì funiculà funiculì funiculà…
’ncoppa jammo jà funiculì funiculà.

Se n’è saiuta oinè se n’è se n’è saiuta la capa già… la capa già
È ghiuta poi è tornata, poi è venuta sta sempre ca… sta sempre ca
La capa vuota, vuota, attuorno, attuorno, attuorno a te… attuorno a te
Lo core canta sempre no taluorno, spasamo oinè… sposamo oinè

Ne jammo da la terra a la montagna no passo’ncè… no passo’ncé
se vede Francia, proceta la Spagna e io veco te… e io veco te
tirate co lli fune nnito’nfatto ’ncielo se va… ’ncielo se va
se va comm’a llo viento a l’antrasatto guè saglie sa… guè saglie sa.

Gira l’amore
PANZERI / PACE / SANREMO 1972

Il grillo canta solo per amore
la pioggia cade quando un fiore muore
è bello il fiume quando l’acqua è pura
ma questo l’uomo non lo pensa mai.

Sapete perché il mondo va? Perché intorno al mondo gira l’amore
E allora com’è, oh mamma dimmi tu, che avevo un bel biondino
e adesso non l’ho più?
Caro Bebè, tu non lo sai chi non ha soldi non naviga mai
Caro Bèbè, la verità è una farfalla che viene e che va.

Col cuore tu non spegni una candela
ma puoi buttare all’aria un grande amore
la guerra fa suonare le campane
ma questo l’uomo non lo pensa mai.

Mi disse: “Non pensarci, bambina.
La vita è una speranza che cammina
nel cuore ti ho lasciato una stella
cammina che la strada si fa bella!”

Sapete perché il mondo va? Perché intorno al mondo gira l’amore
e allora com’è, oh mamma dimmi tu, il grillo del mio cuore per me non canta più?
Caro Bebè, tu non lo sai chi non ha soldi non naviga mai
Caro Bèbè, la verità è una farfalla che viene e che va.

Gran Dio del cielo

Gran Dio del Cielo, s’io fossi una rondinella.
Gran Dio del Cielo, s’io fossi una rondinella.
Vorrei volare, vorrei volare, vorrei volare in braccio alla mia bella.
Vorrei volare, vorrei volare, vorrei volare in braccio alla mia bella.

Prendi la secchia e vattene alla fontana.
Prendi la secchia e vattene alla fontana.
là c’è il tuo amore, là c’è il tuo amore, là c’è il tuo amore che alla fontana aspetta.
là c’è il tuo amore, là c’è il tuo amore, là c’è il tuo amore che alla fontana aspetta.

Prendi il fucile e vattene alla frontiera.
Prendi il fucile e vattene alla frontiera.
là c’è il nemico, là c’è il nemico, là c’è il nemico che alla frontiera aspetta.
là c’è il nemico, là c’è il nemico, là c’è il nemico che alla frontiera aspetta.

Guarda la luna come cammina.
Guarda la luna come cammina.
la và sui monti, la và sui mari, la và sui mari e non si stanca mai.
la và sui monti, la và sui mari, la và sui mari e non si stanca mai.

Ho girato l’Italia e il Tirol

Ho girato l’Italia e il Tirol / ho girato l’Italia e il Tirol
sol per trovare una verginella / ciomba-larila-lela e viva l’amor.
sol per trovare una verginella / ciomba-larila-lela e viva l’amor.

Verginella non posso trovare / verginella non posso trovare
solo mi basta che la siai bella / ciomba-larila-lela e viva l’amor.
solo mi basta che la siai bella / ciomba-larila-lela e viva l’amor.

Se l’é brutta faremo indorare / se l’é bruta faremo indorare
prima per dentro e dopo per fora / ciomba-larila-lela e viva l’amor.
prima per dentro e dopo per fora / ciomba-larila-lela e viva l’amor.

I tirolesi son bravi soldati / i tirolesi son bravi soldati
Tutte le notti di sentinella / ciomba-larila-lela e viva l’amor.
Tutte le notti di sentinella / ciomba-larila-lela e viva l’amor.

Noi del Veneto sapiam cantare / noi del Veneto sapiam cantare
Mangiare, bere e fare l’amore / ciomba-larila-lela e viva l’amor.
Mangiare, bere e fare l’amore / ciomba-larila-lela e viva l’amor.

I venti del cuore
M. Bubola & P. Fabrizi

Campi di lavanda e l’auto che va
dietro quei cipressi la strada piegherà
E passata la collina chissà
se la casa come un tempo mi apparirà.

Ed ogni volta che ti penso eri là
quel sorriso in tasca largo ed incredulo
Quanti bimbi e cani avevi intorno
e che chiasso di colori al tramonto

E ricordi si confondono là dove non vorrei
le memorie poi s’increspano e non so più chi sei…

E i venti del cuore soffiano
e gli angeli poi ci abbandonano
Con la fame di voltri e di parole
seguendo fantasmi d’amore
I nostri fantasmi d’amore.

E mi sembrava quase un’eternità
che non salivo scalzo sopra quel glicine
In penombra ti guardavo dormire
nei capelli tutti i nidi d’aprile…

E le immagini si perdono fermarle non potrei
e le pagine non svelano chi eri e chi ora sei.

E i venti del cuore soffiano
e gli angeli poi ci abbandonano
con la voglia di voci e di persone
seguendo fantasmi d’amore
i nostri fantasmi d’amore.
Seguiamo fantasmi d’amore
i nostri fantasmi d’amore

Quando i venti del cuore soffiano
seguiamo fantasmi d’amore
i nostri fantasmi d’amore.

I vol che me maride

I vol che me maride, Mapin Mapon Mapa
Ma non no gò pensato, Mapin Mapon Mapa
Par esser comandato gò tempo da sperar, Mapin Mapon, Mapin Mapa

Se mi la trovo picola, Mapin Mapon Mapa
Picola, picolina, Mapin Mapon Mapa
La spassa a cosina e altro non la fà, Mapin Mapon, Mapin Mapa

Se mi la trovo granda, Mapin Mapon Mapa
Granda bem grandona, Mapin Mapon Mapa
La vol far la parona e mi stao sun canton, Mapin Mapon, Mapin Mapa

Se mi la trovo pegra, Mapin Mapon Mapa
Pegra e lazzarona, Mapin Mapon Mapa
La se senta in poltrona e me toca cosinar, Mapin Mapon, Mapin Mapa

Se mi la trovo grassa, Mapin Mapon Mapa
La me ciapa tutto el leto, Mapin Mapon Mapa
Sol paion lungo e streto mi non posso star, Mapin Mapon, Mapin Mapa

Se mi la trovo magra, Mapin Mapon Mapa
Tutti ghe ciama a renga, Mapin Mapon Mapa
E mi bison che spenda par farla ingrassar, Mapin Mapon, Mapin Mapa

Se mi la trovo bruta, Mapin Mapon Mapa
Bruta la gò par sempre, Mapin Mapon Mapa
Quando me vien darente spavento la me fa, Mapin Mapon, Mapin Mapa

La storia zè finia, Mapin Mapon Mapa
Ghe piantaremo un ciodo, Mapin Mapon Mapa
Ognun la vol al so modo cossi voio anca mi, Mapin Mapon, Mapin Mapa

L’italiano
MINELLONO E TOTO CUTUGNO

Lasciatemi cantare con la chitara in mano
lasciatemi cantare, sono un’italiano

Buongiorno Italia gli spaghetti al dente,
e un partigiano come presidente,
Con l’auto radio sempre nella mano destra,
e un canarino sopra la finestra…

Buongiorno Italia con i tuoi artisti,
con troppa America suoi manifesti,
Con le canzoni, con amore, con il cuore,
con più donne sempre meno suore…

Buongiorno Italia, buongiorno Maria,
con gli occhi pieni di malinconia…
Buongiorno Dio… sai che ci sono anchio

Lasciatemi cantare con la chitara in mano
Lasciatemi cantare una canzone piano, piano
Lasciatemi cantare perchè non sono fiero
Sono un’italiano, un italiano vero

Buongiorno Italia che non si spaventa,
Con la crema, la barba a la menta,
Con un vestito gessato sul blu
E la moviola a la domenica in tv…

Buongiorno Italia con caffè ristretto
Le claze nuove nel primo cassetto,
Con la bandera in tintoria
E una seicento giù di carrozzeria…

Buongiorno Italia, buongiorno Maria
Con gli occhi pieni di malinconia,
Buongiorno Dio… sai che ci sono anchio

Lasciatemi cantare con la chitara in mano
Lasciatemi cantare una canzone piano, piano
Lasciatemi cantare perchè ne sono fiero
Sono un’italiano, l’italiano vero

L’uva fogarina

Oh! com’è bella l’uva fogarina,
Oh! come è bello saperla vendemmiar
A far l’amor con la mia bella,
A far l’amore in mezzo al prà.

Filar non sa filar, cusir non la sa far
il sol de la campagna, il sol de la campagna

Filar non sa filar, cusir non la sa far
il sol de la campagna la dis che ghe fa mal?

Teresina imbriaguna poca voia ed lavurar
la se compra una vestaglia la ghà ancora de pagar.

La bella polenta

Quando si pianta la bella polenta, la bella polenta si pianta così… Si pianta così…

Oh! Oh! Oh! Bella polenta così…
Cia… Cia… Pum… Cia… Cia… Pum…
Cia… Cia… Pum… Cia… Cia… Pum…

Quando la cresse la bella polenta, la bella polenta la cresce così… Si pianta così… la cresce così…

Quando fiorisse la bella polenta, la bella polenta fiorisse così.. Si pianta così… la cresce così… fiorisse così…

Quando si smissia la bella polenta, la bella polenta si smissia così… Si pianta così… la cresce così… fiorisse così… si smissia così…

Quando si taglia la bella polenta, la bella polenta si taglia così… Si pianta così… la cresce così… fiorisse così… si smissia così… si taglia così…

Quando si mangia la bella polenta, la bella polenta si mangia così… Si pianta così… la cresce così… fiorisse così… si smissia così… si taglia così… si mangia così…

Quando si gusta la bella polenta, la bella polenta si gusta così.. Si pianta così… la cresce così… fiorisse così… si smissia così… si taglia così… si mangia così… si gusta così…

Quando fenisse la bella polenta, la bella polenta fenisse così… Si pianta così… la cresce così… fiorisse così…
si smissia così… si taglia così… si mangia così… si gusta così… fenisse così…

La bella Violetta la va la va

La bella Violetta la va, la va, la va, la va, la va, la va…
La va sul campo, e la s’era insugnada che gh’era ‘l so Gingin che la rimirava.
La va sul campo, e la s’era insugnada che gh’era ‘l so Gingin che la rimirava.

Perchè mi rimiri, Gingin d’amor, Gingin d’amor, Gingin d’amor…
Io ti rimiro perchè tu sei bella, dimmi se vuoi venire con me alla guerra.
Io ti rimiro perchè tu sei bella, dimmi se vuoi venire con me alla guerra.

No, no, alla guerra non vo’ venir, non vo’ venir, non voi venir.
Non vo’ venire con te alla guerra perchè si mangia male e si dorme per terra.
Non vo’ venire con te alla guerra perchè si mangia male e si dorme per terra.

No, no, no, per terra non dormirai, non dormirai, non dormirai.
Tu dormirai sopra un letto di fiori e quattro begli Alpin ti faranno gli onori.
Tu dormirai sopra un letto di fiori e quattro begli Alpin ti faranno gli onori.

La domenica andando alla messa

La Domenica andando alla Messa, compagnata dai miei amatori,
mi sorpresero i miei genitori. Monachella mi fecero andar.
Ohi si si, ohi no no… Monachella mi fecero andar.

Dimmi che m’ami, sono innocente come il sol
che risplende sul mare… voglio dare un addio all’amor.
Ohi si si, ohi no no… voglio dare un addio all’amor.

Giovanotti piangete, piangete, han tagliato i miei biondi capelli,
tu lo sai, eran ricci eran belli. Giovanotti piangete con me.
Ohi si si, ohi no no… Giovanotti piangete con me.


La Gigiota la ga un bambin

La Gigiota gà dui Bambin, che belin, che belin
Che bei bochin, che bei nasin,
che la Gigiota gà dui bambin, che la Gigiota gà dui bambin

La Gigiota gà tre Bambin, che belin, che belin
Che bei bochin, che bei nasin,
che la Gigiota gà tre bambin, che la Gigiota gà tre bambin

La Gigiota gà sei Bambin, che belin, che belin
Che bei bochin, che bei nasin,
che la Gigiota gà sei bambin, che la Gigiota gà sei bambin

La montanara

Là su per le montagne, fra boschi e valli d’or,
tra l’aspre rupi echeggia un cantico d’amor.

Là su per le montagne, fra boschi e valli d’or,
tra l’aspre rupi echeggia un cantico d’amor.

La montanara o-he si sente cantare,
cantiam la montanara e chi non la sa?
La montanara o-he si sente cantare,
cantiam la montanara e chi non la sa?

La montanara o-he si sente cantare,
cantiam la montanara e chi non la sa?
La montanara o-he si sente cantare,
cantiam la montanara e chi non la sa?

Là su sui monti dai rivi d’argento,
una capanna cosparsa di fiori.
Era la piccola dolce dimora
di Soreghina* la figlia del sol.
La figlia del sol.

La mula di Parenzo

La mula di Parenzo… larilera… g’ha mezo su ‘na bottega… larilera
De tuto la vendeva, de tuto la vendeva…
La mula di Parenzo… larilera… g’ha mezo su ‘na bottega… larilera
De tuto la vendeva, fora ch’el bacalá.
Perché non m’ami piú? Perché non m’ami piú?

La me morosa vecia… larilera… la tengo de riserva… larilera
E quando spunta l’erba… e quando spunta l’erba,
La me morosa vecia… larilera… la tengo de riserva… larilera
E quando spunta l’erba… la meno a pascolar.
Perché non m’ami piú? Perché non m’ami piú?

La mando a pascolare… larilera… insieme a le caprette… larilera
L’amor co’le servete… l’amor co’le servete…
La mando a pascolare… larilera… insieme a le caprette… larilera
L’amor co’le servete… non lo faró mai piú.
Perché non m’ami piú? Perché non m’ami piú?

La mando a pascolare… larililá… nel mese di setembre… larilera
E quando vien novembre… e quando vien novembre
La mando a pascolare… larilera… nel mese di setembre… larilera
E quando vien novembre… la vado a ritirare.
Perché non m’ami piú? Perché non m’ami piú?

Se’l mare fosse tocio… larilera.. e i monti de polenta… larilera
Ah mamma, che tociade, ah mamma, che tociade,
Se’l mare fosse tocio… larilera.. e i monti de polenta… larilera
Ah mamma, che tociade, polenta e bacalá.
Perché non m’ami piú? Perché non m’ami piú?

Marina
CLAUDIO VILLA

Mi sono innamorato di Marina
Una ragazza mora, ma carina…
Ma lei non vuol saperne del mio amore
Cosa farò per conquistar su cuor.

MARINA, MARINA, MARINA…
Ti voglio al più presto sposar!
MARINA, MARINA, MARINA…
Ti voglio al più presto sposar!

O mia bella mora… No non mi lasciare…
Non mi devi rovinare… Oh! No, no, no, no, no…
O mia bella mora… No non mi lasciare…
Non mi devi rovinare… Oh! No, no, no, no, no…

Un giorno l’ho incontrata sola sola,
Il cuore mi batteva mille all’ora
Quando le dissi che volevo amare
Mi diede un bacio e l’amore sbocciò…

Martino e Mariana

Dove sei stà Martino? Corpo de mi dove sei stà?
Sangue de mi dove sei stà? Dove sei stà Martino?

Son stà al mercà Mariana, corpo de mi son stá al mercà
Sangue de mi son stà al mercà, Son stà al mercà Mariana.

Cosa ghe compra Martino? Corpo de mi cosa ghe compra?
Sangue de mi cosa ghe compra, cosa ghe compra Martino?

Un bel capel Mariana, corpo de mi un bel capel
Sangue de mi un bel capel, un bel capel Mariana.

Quanto ghe spes Martino? Corpo de mi quanto ghe spes?
Sangue de mi quanto ghe spes? Quanto ghe spes Martino?

Tri soldi e mez Mariana, corpo de mi tri soldi e mez
Sangue de mi tri soldi e mês, tri soldi e mez Mariana.

Ghe spes massa Martino, corpo de mi ghe spes massa
Sangue de mi ghe spes massa, ghe spes massa Martino.

Son mi el paron Mariana, corpo de mi Son mi el paron
Sangue de mi Son mi el paron, Son mi el paron Mariana.

Te dao sciafon Martino corpo de mi Te dao sciafon
Sangue de mi Te dao sciafon, Te dao sciafon Martino.

Te dao nantro Mariana corpo de mi Te dao nantro
Sangue de mi Te dao nantro, Te dao nantro Mariana.

La mescoa a testa Martino corpo de mi La mescoa a testa
Sangue de mi La mescoa a testa, La mescoa a testa Martino.

La scoa in toa coa Mariana corpo de mi la scoa in toa coa
Sangue de mi La scoa in toa coa, La scoa in toa coa Mariana.

Te taio su Martino corpo de mi Te taio su
Sangue de mi Te taio su, Te taio su Martino.

Te sego zo Mariana corpo de mi Te sego zo
Sangue de mi Te sego zo, Te sego zo Mariana.

Me compare Giacometto

Me compare Giacometto el gavea un bel galeto
Quando ‘l canta ‘l verde ‘l beco, che ‘l fa proprio innamorar.
E quando ‘l canta, ‘l canta, ‘l canta,
El verde ‘l beco, beco, beco, Che ‘l fa proprio, proprio, proprio innamorar.
El verde ‘l beco, beco, beco, Che ‘l fa proprio, proprio, proprio innamorar.

Ma un bel giorno la parona per far festa a’invitati
la ghe tira ‘l col del gallo e lo mette a cusinar.
La ghe tira, tira, tira ‘l col del gallo, e lo mette, mette, mette a cusinar.
La ghe tira, tira, tira ‘l col del gallo, e lo mette, mette, mette a cusinar.

Le galine tute mate per la perdita del galo
le gà roto anca ‘l ponaro della rabia che le gà.
Le gà roto, roto, roto anca el ponaro, naro, naro, della rabia, rabia, rabia che le gà.
Le gà roto, roto, roto anca el ponaro, naro, naro, della rabia, rabia, rabia che le gà.

Mérica, Mérica

Dall’Italia noi siamo partiti
Siamo partiti coi nostri onori
Trentasei giorni di macchina a vapore
E all’America noi siamo arrivà

Mérica, Mérica, Mérica…
Cosa sarà là sta Mérica…
Mérica, Mérica, Mérica…
E un bel mazzolino di fior!

Ma all’America noi siamo arrivati
Non abbiam trovato ne paglia e ne fieno
Abbiam dormito sul nudo terreno
Come le bestie abbiamo riposà

Ma l’América l’è lunga e l’è larga
E l’è formata da monti e da piani
E con l’industria dei nostri Italiani
Abbiam fondato paesi e città

E vivva vivva, Cristophoro Colombo
Che ha scoperto sta parte del mondo.
Che ha scoperto sta parte del mondo
Per gli italiani venire a lavorar.

No sta piander Catineta

No sta piander Catineta se in America ho d’andar
che se là la me va dreta se se podarà sposar
che se là la me va dreta se se podarà sposar

Te la casa dei me veci andaron le noze a far
ghe sarà del vin a seci e polastri da strazar
ghe sarà del vin a seci e polastri da strazar

Te torò ‘n tochet de tera che a doi vache pol bastar
avaron ‘na bela schiera de bocete da ‘rlevar
avaron ‘na bela schiera de bocete da ‘rlevar

Eco, i sona la trombeta, fis’cia ‘l treno i verde ‘l fren
dame un baso Catineta, scrivi spes e stame ben
dame un baso Catineta, scrivi spes e stame ben

Avaron ‘na casetina tuta sola in mez al prà
con al sol da la matina e fin che ‘l vespro ‘l sonarà
con al sol da la matina e fin che ‘l vespro ‘l sonarà

Ghe farò ‘n giardin davanti pien de rose e pien de fior
par mostrarghe a tuti quanti che mi son felice e sior
par mostrarghe a tuti quanti che mi son felice e sior

Dame su le me valise che le porte sul vagon
entro in mez a le camise meti an fiasco de quel bon
entro in mez a le camise meti an fiasco de quel bon

Novantanove

Novantanove case messe ‘nturnu
fecero ‘na corona pe’ ‘na rocca,
nascette ‘na piazzetta e po’ ‘nu furnu
e repassò la voce p’ogni bocca… p’ogni bocca

E la campana sona…
Novantanove, novantanove… din don, din don.

Novantanove piazze co’ lle chiese
pure novantanove le cannelle,
quattro riuni ‘e populu cortese
e le quatrane quasci tutte belle… tutte belle…

Novantanove rocche messe a morra
e L’Aquila aju celu aprì le scelle,
ju campanone anticu della torre
a sera conta i tocchi tra le stelle… tra le stelle…

O Albero (canto di Natale)

S’accendono e brillano gli alberi di Natale.
S’accendono e radunano grandi e piccini intorno.
I rami si trasformano con bacche rosse e fili d’or.
risplendono e sfavillano gli alberi di Natale.

Fra i canti degli arcangeli ritorna il bambinello,
riposa nel presepio e lo scalda l’asinello.
I rami verdi toccano la capannina di carton
e l’albero illumina la culla del Signore.

S’innalzano, risuonano i canti di Natale,
ricordano agli uomini: giustizia, pace e amore.
La loro dolce musica giunge fra tutti i popoli.
Ripete ancor agli uomini: giustizia, pace, amore.

O sole mio
M.: E. DI CAPUA; L.: G. CAPURRO

Che bella cosa ‘na jurnata ‘e sole
N’aria serena doppo ‘na tempesta
Pe’ll’aria fresca, pare già ‘na festa
Che bella cosa ‘na jurnata ‘e sole

Ma n’atu sole… cchiù bello oi ne’
‘O sole mio… stà ‘nfronte a te!
‘O sole… ‘o sole mio…
Stà ‘nfronte a tte… stà ‘nfronte a te!

Lùcene ‘e llastre d’ ‘a fenesta toja
‘Na lavannara canta e se ne vanta
E pe’ tramente torce, spanne e canta,
Lùcene ‘e llastre d’ ‘a fenesta toja.

Quanno fa notte e ‘o sole se ne scenne
Me vene quase ‘na malincunia
Sotto ‘a fenesta toja restarria
Quanno fa notte e ‘o sole se ne scenne

O Surdato ‘Nnammurato

Staje luntana da stu core e a te volo cu’ ‘o penziero:
niente voglio e niente spero ca tenerte sempe affianco a me!
Si’ sicura ‘e chist’ammore comm’i’ so’ sicuro ‘e te…

Oje vita, oje vita mia,
oje core e’ chistu core,
si’ stata ‘o primm’ammore:
‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

Quand’ a notte nun te veco, nun te sento int’a sti bracce,
nun te vaso chesta faccia, nun t’astregno forte mbraccia a me?
Ma scetannome ‘a sti suonne, mme faje chiagnere pe’te…

Scrive sempre ‘e sta’ cuntenta: io nun penzo che a te sola:
nu penziero mme cunzola; ca tu pienze sulamente a me…
‘A cchiù bella ‘e tutt’ ‘e belle nun è maje cchiù bella ‘e te!

Oh! Monte Grappa

Oh! Monte Grappa come sei bello, Tu sei il macello della gioventù…
Oh! Monte Grappa come sei bello, Tu sei il macello della gioventù…

Oh! Monte Grappa verde e bianco, Gran campo santo della gioventù…
Oh! Monte Grappa verde e bianco, Gran campo santo della gioventù…

Oh! Monte Grappa como sei nero, Sei il cimitero della gioventù…
Oh! Monte Grappa como sei nero, Sei il cimitero della gioventù…

Oh! Monte Grappa quanto dolore, Gran traditore della gioventù…
Oh! Monte Grappa quanto dolore, Gran traditore della gioventù…

Oh! Monte Grappa tuti feroci, Con tante croci della gioventù…
Oh! Monte Grappa tuti feroci, Con tante croci della gioventù…

Picchia, picchia la porticella

E picchia, picchia la porticella che la mia bella la me vien ad aprir!
E picchia, picchia la porticella che la mia bella la me vien ad aprir!

Con una mano apre la porta e con la bocca la mi da un bacin!
Con una mano apre la porta e con la bocca la mi da un bacin!

E quel baccino fu tanto forte che la mia mamma la lo ga sentir!
E quel baccino fu tanto forte che la mia mamma la lo ga sentir!

Che cosa hai fato figliola mia che tutto il mondo parla mal di te!
Che cosa hai fato figliola mia che tutto il mondo parla mal di te!

E lascia pure che il mondo dica lo voglio amare che mi ama a me!
E lascia pure che il mondo dica lo voglio amare che mi ama a me!

Io voglio amare quel giovanotto dopo sett’anni di prigion per me!
Io voglio amare quel giovanotto dopo sett’anni di prigion per me!

E la prigione l’è tanto scura, mi fa paura, la mi fa morir!
E la prigione l’è tanto scura, mi fa paura, la mi fa morir!

Tra nove mesi e qualque giorno, a suo ritorno io lo sposerò!
Tra nove mesi e qualque giorno, a suo ritorno io lo sposerò!

Porta qua un litro de vino

Porta qua un litro de vino, Porta qua un litro de vino,
Porta qua un litro de vino…
Questa sera mi voi divertir, questa sera mi voi divertir

Divertirsi un poco a la sera, Divertirsi un poco a la sera,
Divertirsi un poco a la sera….
Fin che semo da maridar, fin che semo da maridar!

Dopo quando seremo morti, Dopo quando seremo morti,
Dopo quando seremo morti…
No sentimo £e campane sonar, no sentimo £e campane sonar!

Sinti, sinti, £e campane che sona, sinti, sinti, £e campane che sona,
Sinti, sinti, £e campane che sona,
La mia bela la piangerà, la mia bela la piangerà!

Preghiera alla famiglia
Pe. Zezinho, scj / Versão: Pe. Iemma Enrico, scj

Che nessuna famiglia cominci per gioco imprudente
Che nessuna famiglia finisca perchè senza amore
Che la coppia sia una e per sempre di corpo e di mente
E che nulla separi l’amore giurato all’altare

Che nessuna famiglia sia messa su estrade umilianti
Che nessuno le faccia scordare il perchè della vita
Che nessuno la oblighi a vivere senza orizzonti
Ma che affronti presente e futuro con voglia infinita

La famiglia che parte conosca che strada fará
Che il marito abbia un core di patre che sá quel che fá
Che la moglie sia tenero dono di gioia e calore
E che i figli da loro conoscano cosa è l’amore

Benedici la nostra famiglia, Gesú!
Nella casa con noi, rimani anche tu!
Benedici la nostra famiglia, Gesú!
Nella casa con noi, rimani anche tu!

Che gli sposi si amino sempre, ma senza catene
E si scambino il tenero bacio di pace e perdono
Che i bambini conoscano in casa la gioia del bene
Che si celibri a casa la messa del piu dolce dono

Che nessuno si mostri infedele o tradisca l’amore
Gelosia non guasti l’amore profondo che c’é
La speranza vissuta in famiglia risplenda immortale
Come stella di un mondo futuro e presente tra noi

Quando ero piccina piccina

Quando ero piccina piccina, mio papa mi portava a girar
mi diceva Ninnetta vien granda, mi diceva Ninnetta vien granda
Quando era piccina piccina, mio papa mi portava a girar
mi diceva Ninnetta vien granda, che ti voglio maridar.

Bionda bella bionda, o biondinella d’amor
Bionda bella bionda, o blondinella d’amor

Grandicella io sono venuta, all’eta di sedici anni
Tengo un figlio che chiama gia mamma, tengo un figlio che chiama gia mamma.
Grandicella io sono venuta, all’eta di sedici anni
Tengo un figlio che chiama gia mamma, il papa no so chi l’è.

Il papa l’è anda soldato, sposarmi non voglio saper
Lui diceva che me ha lasciato, Lui diceva che me ha lasciato,
Il papa l’è anda soldato, sposarmi non voglio saper
Lui diceva che me ha lasciato, che’l faceva l’amore con me

Quattro cavai che trotano

Quattro cavai che trotano, Sotto la Timonela,
Voi tu venir mia bella, Voi tu venir mia bella.
Quattro cavai che trotano, Sotto la Timonela,
Voi tu venir mia bella. In sulla riva del mar.

Che bella notte che fa In barchetta si va,
far l’amore con te.
Che bella note che fa In barchetta si va,
far l’amore con te.

In riva al mar si pescano, Si pescano le sardelle,
Sono lucenti e belle, Sono lucenti e belle.
In riva al mar si pescano, Si pescano le sardelle,
Sono lucenti e belle, Come tui occhi per me.

Viene alla tua finestra, Bruna, oh mia bella Bruna,
Che al chiaro della luna, Che al chiaro della luna.
Viene alla tua finestra, Bruna, oh mia bella Bruna,
Che al chiaro della luna, Andremo fare l’amor.

Quel Mazzolin di fiori

Quel mazzolin di fiori che vien dalla montagna
Quel mazzolin di fiori che vien dalla montagna…
E varda ben che non si bagna che lo voglio regalar
E varda ben che non si bagna che lo voglio regalar

Lo voglio regalare. Perchè l’è un bel mazzeto,
Lo voglio regalare. Perchè l’è un bel mazzeto,
Lo voglio dare al mio moretto questa sera quando vien…
Lo voglio dare al mio moretto questa sera quando vien…

Stasera quando viene sarà una brutta sera
Stasera quando viene sarà una brutta sera
E ma perchè sabato sera lui non è venuto a me.
E ma perchè sabato sera lui non è venuto a me.

Non è venuto a me, L’è andá dalla Rosina
Non è venuto a me, L’è andá dalla Rosina

E perchè mi son poverina mi fa pianger e sospirar.
E perchè mi son poverina mi fa pianger e sospirar.

Fa pianger e sospirare sul letto dei lamenti
Fa pianger e sospirare sul letto dei lamenti
E cosa mai dirà i parenti, cosa mai diran di me?
E cosa mai dirà i parenti, cosa mai diran di me.

Diran ch’io son tradita, tradita nell’amore,
Diran ch’io son tradita, tradita nell’amore,
Perchè a me mi piange il cuore e per sempre piangerà.
Perchè a me mi piange il cuore e per sempre piangerà.

Abbandonato il primo, abbandono il secondo,
Abbandonato il primo, abbandono il secondo,
Abbandonato il primo, abbandono il secondo,
Abbandono tutto il mondo e non mi marito più.

Quel ucellino

Quell’uccelino su quella rama ciama la mamma… la ri le ra
Ciama la mamma… la ri le ra…
Quell’uccelino su quella rama… ciama la mamma la ri le ra…
Per far l’amor

E dimmi poi, biondina, come vai… ai ai
Quell’uccelino… la ri le ra…. Quell’uccelino… la ri le ra…
E dimmi poi, biondina, come vai… ai ai
Quell’uccelino… la ri le ra
Per far l’amor

Quell’ucellino sulla finestra… e lu ’l fa festa… la ri le ra
E lu ’l fa festa… la ri le ra
Quell’ucellino sulla finestra… e lu ’l fa festa… la ri le ra
Per far l’amor

Quell’ucellino in quella saea.. lu ‘l canta e ‘l bala… la ri le ra
Lu ‘l canta e ‘l bala… la ri le ra
Quell’ucellino in quella sala.. lu ‘l canta e ‘l bala… la ri le ra
Per far l’amor

Quell’uccelino la su quel forno, lu ‘l canta intorno… la ri le ra
Lu ‘l canta intorno… la ri le ra…
Quell’uccelino la su quel forno, lu ‘l canta intorno… la ri le ra
Per far l’amor

Quell’ucellino sulla cariola… lu ’l canta e ‘l vola… la ri le ra
Lu ’l canta e ‘l vola… la ri le ra
Quell’ucellino sulla cariola… Lu ’l canta e ‘l vola… la ri le ra
Per far l’amor

Quell’ucellino la sulla pianta… l’è la che’l canta… la ri le ra
L’è la che’l canta… la ri le ra
Quell’ucellino la sulla pianta… l’è la che’l canta… la ri le ra
Per far l’amor

Reginella Campagnola

All’alba quando spunta il sole là nell’Abruzzo tutto d’or
Le properose campagnole discendono le valli in fior…

Oh campagnola bella tu sei la Reginella
negli occhi tuoi c’è il sole c’è il colore delle viole
delle valli tutte in fior!… Se canti, la tua voce
è un’armonia di pace che si diffonde e dice:
“Se vuoi vivere felice devi vivere quassù”!

Quand’è la festa dal paesello con la sua cesta se ne và
trotterellando l’asinello la porta verso la città.

Ma poi la sera al tramontare con le sue amiche se ne va…
e tutte intente a raccontare quel che ha veduto là in città.

Santa Lucia
TEODORO COTTRAU – 1850

Sul mare luccica, l’astro d’argento, placida è l’onda, prospero è il vento.
Venite all’agile, barchetta mia! Santa Lucia, Santa Lucia!

Con questo zeffiro cosi soave, oh! com’è bello star sulla nave!
su, passegieri, venite via! Santa Lucia ! Santa Lucia!

Mare si placido, vento si caro, scordar fa i triboli al marinaro.
E va gridando, con allegria, Santa Lucia, Santa Lucia!

Oh! dolce Napoli, oh! suol beato, ove sorridere, volle il creato.
Tu sei l’impero, dell’armonia, Santa Lucia, Santa Lucia!

Or che tardate? Bella è la sera, splende un’auretta fresca e leggera!
Venite all’agile barchetta mia, Santa Lucia, Santa Lucia.

Sei pura, sei pia

Sei pura, sei pia, sei bela, ò Maria
Ogni alma lo sa che Madre più dolce il mondo non ha!
Che Madre più dolce il mondo non ha!

Ò Madre Beata, dal cielo a noi data
Da tua gran pietà che bella speranza, che gioia mi da!
Che bella speranza, che gioia mi da!

Ò Madre Divina del mondo, Regina
E chi mai senti che alcuno scontento da te si parti?
Che alcuno scontento da te si parti?

Son partito al chiaro di luna

Son partito al chiaro di luna
per cercare un po’ di fortuna,
e nel partir tutto dovei lasciare:
questo l’é ‘l destin, questo l’é ‘l destin di chi deve ‘migrare!

Tra la neve e il vento gelato
col pensiero a ciò che ho lasciato;
e nel mio cuor mi vien la nostalgia
dei monti e i pian, dei monti e i pian della vallata mia.

Son tornato di giorno a Maggio pieno
quando il sole risplende sereno;
e con gli amici canto in allegria:
son tornato al fin, son tornato al fin alla casetta mia!

Sulla città di Montebello

E la vien do dalle montagne per venire alla città…
E la vien do dalle montagne per venire alla città…

Sulla città, sulla città di Montebello…
Sulla città, sulla città di Montebello…
Sulla città, sulla città di Montebello la ghe gera un suonator.
Sulla città, sulla città di Montebello la ghe gera un suonator.

La ga impegnà, la ga impegnà la cioca e iovi…
La ga impegnà, la ga impegnà la cioca e iovi…
La ga impegnà, la ga impegnà la cioca e iovi per pagare il suonator.
La ga impegnà, la ga impegnà la cioca e iovi per pagare il suonator.

La ga impegnà, la ga impegnà il vestito bianco…
La ga impegnà, la ga impegnà il vestito bianco…
La ga impegnà, la ga impegnà il vestito bianco per pagare il suonator.
La ga impegnà, la ga impegnà il vestito bianco per pagare il suonator.

La ga impegnà, la ga impegna il vin de le bote…
La ga impegnà, la ga impegna il vin de le bote…
La ga impegnà, la ga impegna il vin de le bote, per pagare il suonator.
La ga impegnà, la ga impegna il vin de le bote, per pagare il suonator.

La ga impegnà, la ga impegnà le scarpe rosse…
La ga impegnà, la ga impegnà le scarpe rosse…
La ga impegnà, la ga impegnà le scarpe rosse per pagare il suonator.
La ga impegnà, la ga impegnà le scarpe rosse per pagare il suonator.

Ti ricordi Adelina

Ti ricordi, Adelina, sotto l’ombra di quel ramo
Mi device ti amo, ti amo… era tutta falsitá.

Ma perché, ma perché, Adelina, non pensi piú me?
Ma perché, ma perché, ma perché i bersaglieri sono meglio di te.

Fin che vivo su sta terra, Mai piú pace non avrai
Perché sempre pensarai alle tue falsitá.

Me ne vado per lê strade per la via del campo santo
Una lagrima de pianto i miei occhi scurirà.

Anderó dietro dei monti d’eremita mi vestirò
Tutto il tempo di mia vitta penitenza io farò.

Va pensiero
G. VERDI

Va’, pensiero, sull’ali dorate,
va’, ti posa sui clivi, sui colli,
ove olezzano tepide e molli
l’aure dolci del suolo natal!

Del Giordano le rive saluta,
di Sïonne le torri atterrate…
Oh mia patria sì bella e perduta!
Oh membranza sì cara e fatal!

Arpa d’or dei fatidici vati,
perché muta dal salice pendi?
Le memorie nel petto raccendi,
ci favella del tempo che fu!

O simìle di Sòlima ai fati,
traggi un suono di crudo lamento,
o t’ispiri il Signore un concento
che ne infonda al patire virtù!
che ne infonda al patire virtù!
che ne infonda al patire virtù! Al patire virtù!

Valsugana

Quando andaremo fora, fora per la Valsugana
Quando andaremo fora, fora per la Valsugana
E a ritrovar la mama, a veder come la sta.
E a ritrovar la mama, a veder, veder come la sta.

La mama la sta bene, il papà l’è amalato
La mama la sta bene, il papà l’è amalato
Il mio ben partì soldato chi sa quando tornerà.
Il mio ben partì soldato chi sa quando mai ritornerà.

Tutti me dis che lui se gha catar n’altra morosa;
Tutti me dis che lui se gha catar n’altra morosa;
L’è ‘na storia dolorosa che mi credere non so.
L’è ‘na storia dolorosa che mi cre, mi credere non so.

Mi no le credo, no, ma se la fusse propio vera,
Mi no lo credo, no, ma se la fusse propio vera,
Biondo o moro ancor stasera ‘n altro merlo troverò!
Biondo o moro ancor stasera ‘n altro merlo mi me troverò!

Venite fideli (canto di Natale)

Venite, fedeli, l’angelo ci invita, venite, venite a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.

Venite, adoriamo, venite, adoriamo…
Venite, adoriamo il Signore Gesù!

La luce del mondo brilla in una grotta: la fede ci guida a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.

La notte risplende, tutto il mondo attende: seguiamo i pastori a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.

Il Figlio di Dio, Re dell’universo, si è fatto bambino a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.

«Sia gloria nei cieli, pace sulla terra», un angelo annuncia a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.

Venite, fedeli, inneggiando lieti, venite, venite in Betlemme.
Nato è per noi il Signor dei cieli.

L’angelico annunzio giunse ai pastori, che all’umile culla accorsero.
Con gioia in cuore anche noi corriamo.

Vinassa, Vinassa

Là nella valle c’è un’osteria:
l’è l’allegria, l’è l’allegria;
Là nella valle c’è un’osteria:
l’è l’allegria di noi alpin.

E se son pallida, nei miei colori
Non voglio dottori, non voglio dottori;
E se son pallida come ‘na strassa,
Vinassa, vinassa e fiaschi de vin!

Là sul Cervino c’è una colonna
l’è la Madonna, l’è la Madonna.
Là sul Cervino c’è una colonna
l’è la Madonna, di noi alpin.

Là nella valle c’è un filo d’erba
l’è la riserva, l’è la riserva.
Là nella valle c’è un filo d’erba
l’è la riserva di noi alpin.

Là nella valle c’è la Rosina
l’è la rovina, l’è la rovina.
Là nella valle c’è la Rosina
l’è la rovina di noi alpin

Là nella valle c’è un buco nero
l’è il cimitero, l’è il cimitero
Là nella valle c’è un buco nero
l’è il cimitero di noi alpin.

Là su quel monte c’è una lanterna
requiem aeternam, requiem aeternam,
Là su quel monte c’è una lanterna
requiem aeternam per noi alpin.

Vuoi tu venir in Mèrica?

Vuoi tu venir Giulietta, vuoi tu venir con me?
vuoi tu venir in Merica? vuoi tu venir in Merica?
Vuoi tu venir Giulietta, vuoi tu venir con me?
vuoi tu venir in Merica, a travagliare con me?

Mi sì che vegniria, se ‘l fus da chi a Milan
ma per andare in Merica… ma per andare in Merica…
Mi sì che vegniria, se ‘l fus da chi a Milan
ma per andare in Merica, l’è massa via lontan

Vuoi tu venir Giulieta, là mi te sposerò;
serà una vita bella, serà una vita bella,
Vuoi tu venir Giulieta, là mi te sposerò;
serà una vita bella, felice te farò.

L ò compagnà a Gènova, a lì che stavo a spetar,
l é ndà su l bastimento, l é ndà su l bastimento,
L ò compagnà a Gènova, a lì che stavo a spetar,
l é ndà su l bastimento, co l fasoleto bagnà.